E-Interiors.net

Emilio Ambasz, è nato in Argentina nel 1943, ha studiato alla Princeton University. Curatore del dipartimento di architettura e design del Museum of Modern Art di New York dal 1970 al 1976, vi ha diretto e installato numerose e influenti mostre di architettura e industrial design, tra le quali Italia, il nuovo paesaggio domestico nel 1972, L'architettura di Luis Barragan nel 1974 e il Progetto per un Taxi nel 1976. Presidente dell'Architectural League per due mandati dal 1981 al 1985; professore alla Facoltà di Architettura della Princeton University, ha tenuto corsi alla Hochschule für Gestaltung a Ulm in Germania e in molte altre importanti università americane. Fra i numerosi progetti di prestigio di Emilio Ambasz vi sono il centro culturale Mycal a Sanda in Giappone, il Museum of American Folk Art a New York, e il progetto innovativo delle serre per il Giardino botanico di San Antonio nel Texas, che è stato inaugurato nel 1978 e premiato nel 1985 con il Progressive Architecture Award, nel 1988 con National Glass Association Award per Excellence in Commercial Design e nel 1990 con il prestigioso premio Quaternario per il progresso tecnologico. Ambasz ha realizzato gli interni della banca Bruxelles Lambert per la sede di Milano, per quella di New York al Rockfeller Center e per la sede di Osanna in Svizzera; quest'ultimo lavoro ha ricevuto sia l'Annual Interiors Award nel 1983 che una menzione speciale della giuria. Ambasz è risultato vincitore del Primo Premio e Medaglia d'Oro nel concorso a inviti per la progettazione del Piano Generale per l'Esposizione Universale del 1992, che ebbe luogo a Siviglia in Spagna in occasione della celebrazione del cinquecentenario della scoperta dell'America. Il Centro direzionale realizzato da Ambasz per la Financial Guaranty Insurance Company di New York ha vinto sia il Grand Prize dell'International Interior Design Award del Regno Unito nel 1987 che l'IDEA Award dell'Industrial Designers Society of America (IDSA) nel 1986. Ambasz ha ricevuto moltissimi premi di industrial design; tra questi, il Gold Prize, assegnatogli per il co-design del sistema di sedute Vertebra dall'IBD (USA) nel 1977, il Premio SMAU (Italia) nel 1979, e l'ambito Compasso d'oro (Italia) nel 1981. Nel 1991 ha nuovamente vinto il Compasso d'oro con il nuovo sistema di sedute per ufficio Qualis Tecno (Italia). La poltrona da ufficio Vertebra è stata inclusa nelle collezioni di design del Museum of Modern Art di New York e del Metropolitan Museum sempre a New York. Il Museum of Modern Art di New York ha inoltre posto nella propria collezione di design anche il poster in te dimensioni per la Geigy Graphics del 1967 e la Torcia Flashlight. Nel 1987 la Industrial Designer's Society of America ha premiato Emilio Ambasz con il Top Award dell'Industrial Design Excellence Award Winner per il sistema di illuminazione modulare Soffio per la Sirrah (Italia). Il suo set di acquarelli AquaColor è stato premiato nel 1988 dall'IDSA nuovamente con il Top Award e nel 1989 con l'ID Designer's Choise Award per Design Excelence and Innovation. Nel 1992 l'IDSA lo ha nuovamente premiato con il Top Award per il suo innovativo progetto della television e a cristalli liquidi su base flessibile Handkerchief, come pure per il progetto degli spazzolini Toothbrushes Sunstar (Giappone) e per il Soft Notebook. La decima Biennale di Industrial Design ha premiato Ambasz con il Jury Special Award "Per i suoi numerosi contributi al mondo del design". Nel 1997 Ambasz ha ricevuto il premio Vitruvius del Museo Nacional de Bellas Artes, Argentina, per la qualità innovativa della sua opera. Recentemente il Mycal Cultural Center di Shin-Sanda, costruito in prossimità dell'epicentro del terremoto che ha devastato Kobe, ha ricevuto dal Ministro giapponese dei Lavori Pubblici un premio speciale per l'alta qualità strutturale e costruttiva, che gli ha permesso di superare con eccellenti prestazioni quello sconvolgente evento naturale. Quest'opera, il Mycal Cultural Center di Shin-Sanda, ha ricevuto il Saflex Design Award per l'anno 2000.